Il club dei trenta

Ricattano il mondo truccando le regole, maneggiano 650.000 miliardi di dollari quasi otto volte il PIL dell’intero pianeta,usano il denaro come un arma di distruzione di massa. Ecco chi sono gli uomini che tengono in ostaggio il mondo. Sono chiamati il “club dei trenta” perchè sono trenta i personaggi In dieci anni, hanno messo in ginocchio l’economia reale. E sono ancora lì, a dettar legge, a cominciare da uno dei loro specialisti, Mario Draghi. Teoria del complotto? No: storia. Quella del famigerato “Group of 30”, creato alla fine degli anni ’70 da personaggi come David Rockefeller. Obiettivo: piegare le nazioni ai diktat della speculazione finanziaria. Missione compiuta: oggi l’intera Europa è nelle loro mani, e un paese come l’Italia – membro del G8 – è agli ordini della super-lobby che ha commissariato il governo affidandolo al fido oligarca Mario Monti, tecnocrate targato Goldman Sachs, veterano del Bilderberg, della Trilaterale e della micidiale Commissione Europea, quella che oggi dispone il suicidio sociale degli Stati mediante il pareggio di bilancio. Il “club dei trenta” in sole tre mosse è riuscito a piegare l’Europa sotto al proprio volere. Prima mossa: distruggere la capacità dello Stato di creare e controllare qualsiasi ricchezza finanziaria di valore. Seconda mossa: i dominatori finanziari, che ora spadroneggiano, per ottimizzare la rapina globale incaricano la super-lobby dei tecnocrati di ridisegnare leggi e regole, con adeguata propaganda. Terzo: gli oligarchi impongono le loro condizioni-capestro ai governi, ormai privati della facoltà di creare ricchezza finanziaria e quindi dipendenti dal ricatto, pronti cioè a ingoiare qualsiasi aberrazione speculativa. Lo ha scritto Paolo Barnard, nel suo saggio “Il piu’ grande crimine“, sul complotto mondiale che tiene in scacco la finanza e l’economia. La crisi in Grecia, Italia e Spagna sono sotto il controllo e la gestione dei “Trenta”. Alcuni membri del “Group of 30” hanno legato il proprio nome a famosissimi disastri: è il caso dell’ex ministro argentino dell’economia, Domingo Cavallo, padre della catastrofe che travolse il paese latinoamericano e “diligente allievo” del super-clan, i cui esponenti sono specializzati nel doppio incarico: Bundesbank e Dresdner Bank per il tedesco Gerd Hausler, Banca Centrale di Francia e Bnp Paribas per il transalpino Jacques de Larosière. Oltre a quello di Draghi, fra gli italiani spicca il nome dell’ex ministro prodiano Tommaso Padoa-Schioppa, quello dei “bamboccioni”, membro del Bilderberg come il francese Jean-Claude Trichet, già ministro delle finanze a Parigi e poi a capo della Bce. Conflitti d’interesse permanenti: chi lavora per la speculazione è chiamato anche a presiedere le autorità europee di controllo sulla finanza. E’ il caso del tedesco Axel Weber: Bundesbank, poi Ubs, quindi “European Systemic Risk Board” e “Financial Stability Board”. Il “Club dei Trenta” opera nel tetro ed oscuro labirinto dell’informatica e della comunicazione, attraverso i canali web e la rete diffonde il suo potere mediatico e sociologico imponendo alle classi sociali piu’ in difficoltà restrizioni economiche, pensioni sempre piu’ al limite, imposte e tasse con percentuali altissime dove nessuno ha via di scampo. Combattere questo sistema equivarrebbe in primis ad un risveglio di massa uniforme; la capacità di comprendere quanto sta accadendo nel mondo dell’economia ed in secundis distruggere quelle bombe ancora inesplose che stanno sotto i nostri piedi.

Produci, consuma e muori

Hanno sistematicamente distrutto o occultato il più possibile le antiche conoscenze poiché esse contenevano il segreto della nostra identità e della vera natura della vita. Hanno manipolato tutte le maggiori indagini e ricerche volte a studiare le antiche conoscenze occulte e i manufatti antichi diffusi in tutto il mondo, assicurandosi che niente trapelasse della nostra vera natura e origine e che, nel caso in cui qualcosa emergesse, non venisse mai reso pubblico, né il suo vero valore venisse compreso.  Hanno creato le religioni per imprigionare le menti della popolazione, riempirle di un senso di limitazione e di inferiorità e dipingere le conoscenze esoteriche come espressione del “male”. Hanno fondato la “scienza” per legittimare solo la sfera fisica e negare l’esistenza di altre frequenze di vita e sopprimere la conoscenza del nostro io multidimensionale. Ciò viene fatto ricompensando quelli che si allineano al partito e distruggendo la reputazione di chi non lo fa.  Hanno introdotto i media per sommergere e schiacciare le nostre menti con la realtà che vogliono imporci; e per attaccare, ridicolizzare, condannare e distruggere chiunque minacci di denunciare la truffa e l’illusione su cui essa si poggia. La manipolazione mediatica la loro arma. Hanno focalizzato il mondo e la comunicazione su tutto ciò che è materiale – soldi, le vincite al lotto, il possesso delle cose, e hanno stimolato in noi un’ossessione nei confronti del sesso come esperienza fisica piuttosto che spirituale. Il sesso basato esclusivamente sulla dimensione fisica mantiene a basso livello la nostra frequenza essendo un atto puramente fisico.
Il sesso basato sull’amore aumenta la nostra frequenza poiché ci riconnette con la nostra scintilla di puro amore. Hanno isolato l’energia maschile e femminile, ponendole in contrapposizione e impedendone la fusione dell’energia maschile e femminile all’interno di tutti noi, fusione che potrebbe dar luogo a una terza forma di energia, una forza vibrazionale potenzialmente elevata, e che potrebbe liberarci da questa prigione vibrazionale, la Matrice. Hanno mantenuto e mantengono ancora basse le energie vibrazionali del pianeta Terra riempindoci di alimenti e bevande di medicinali e di aria di sostanze tossiche o nocive destinate a sopprimere in noi la capacità di sperimentare la nostra personalità multidimensionale e a bloccare i canali attraverso cui i nostri più elevati livelli possono comunicare con la dimensione fisica. In alcuni punti della Terra hanno celebrato riti per poter ridimensionare il campo vibazionale del pianeta fino a renderlo senza energia. Le guerre… Le guerre poi sono state creare da loro e ad ogni livello di conflitto si diffondeva dipendenza finanziaria e crescite sproporzionate di disoccupazione e di miseria, cosicchè noi potevamo rimanere sempre bassi di livello. La paura, il senso di colpa, la rabbia, il risentimento e la frustruzione nacquero negli esseri umani. Ci hanno posto condizioni e ci hanno ricattato pur di non svelare la loro identità minacciandoci di disintegrare la nostra bellezza interiore, la nostra capacità di vedere oltre. Solo applicandoci con la consapevolezza riusciremo a sconfiggerli. Eliminare immediatamente ogni autorità esterna, ritrovando lo spirito libero che c’è in noi, nella nostra individualità camminando cosi a testa alta davanti a loro.
“Sono stanco, devo fare qualcosa. Devo migliorare la qualità della mia vita…”