Il numero 7

Il numero quasi perfetto, il numero sacro, il numero di Dio e degli angeli. Sette sono le note musicali, sette sono i giorni della settimana. Per capire la profondità di questo numero e che non sia una casualità che i toni maggiori siano sette desideriamo collegare i seguenti fatti derivanti dalla storia e dall’esoterismo. Possiamo capire come effettivamente queste conoscenze possano ampliare la nostra conoscenza interiore ed allargare i nostri orizzonti musicali. In matematica il numero 7 è il numero primo piu’ alto divisibile solo per se stesso. Rappresenta cosi l’unicità e la sua dominanza in quanto unico su tutti gli altri numeri. Anche per chi non conosce a fondo la materia esoterica, il numero 7 è in buona sostanza un numero che emette vibrazioni particolari e al suo interno, nel suo profondo significato, detiene il dualismo assoluto: maschile e femminile, per questo è considerato numero sacro e soprattutto immobile e dominante. Numero profetico e di grande utilizzo nelle rappresentazioni antiche e nei riti a partire dagli Egizi che fondarono una strutturazione matematica sul numero sette derivante dall’astrologia in quanto: riconoscevano l’esistenza di sette pianeti o razze diverse da quelle umane (come poi facevano a saperlo chissà) e dividevano le fasi lunari in sette parti. La divisione della “setti-mana” che noi abbiamo comunemente accettato fin da bambini è una suddivisione del tempo in sette parti. Nella cultura popolare si dice che il settimo figlio di sette figli nasce con doti e poteri di grande spessore. Nella Genesi il settimo giorno il “Signore-Dio-Sovrano”- si riposa mentre  la Grande Bestia dell’Apocalisse ha sette teste. Esso è utilizzato settantasette volte, e Gesù dice di “perdonare il prossimo settantasette volte sette. Il sette rappresenta nella musica la scala perfetta e dominante che emette vibrazioni che generano altre vibrazioni sul nostro piano reale. Anche la musica emette forti segnali esoterici in quanto essa stessa rappresenta l’incarnazione della massima vibrazione assoluta.