Sogni di un popolo

Buonasera amici follower. Tra un lavoro ed un altro, tra una scena e l’altra, mi prendo alcune pause, giusto per un caffè ed una sigaretta e trovo tra le mie e-mail un dettato, una relazione, o meglio… un semplice pensiero di un amico che lavora negli Stati Uniti d’America come reporter di un giornale dello stato dell’Arizona. In questa e-mail, l’amico reporter, cita un’evidente stato di tensione nella popolazione mondiale che potrebbe sfociare in una guerra, silenziosa, devastante, come una nube tossica che avvolge l’intera umanità. Lo scopo è lo stesso di sempre, distruggere e conquistare. Solo che le armi non si chiamano più fucili, o bombe, o missili. Si chiamano spread, derivati, BCE, swap, austerity, fiscal compact, MES, rating e altre ancora…. Ma sono tutte armi di distruzione di massa, sono le milizie armate della Finanza Speculativa, quella che strozza l’economia, che insidia le democrazie, che ci rende timorosi e schiavi, che ci impone una vita che non vorremmo. Sembrava l’alba di una nuova era, un periodo in cui le scoperte nei vari settori della scienza e della medicina avrebbero reso la vita più facile a tutti, debellato le malattie e la fame nel mondo. Appunto…sembrava. Tutti avremmo avuto più tempo libero perché le macchine avrebbero lavorato al posto nostro… ma non è andata così. Il mondo contemporaneo ha indubbiamente bisogno di qualche modifica. le morti per cancro aumentano come le epidemie, le pandemie, le allergie, così come aumentano gli utili delle case farmaceutiche. Vedi Covid-19 che è un veicolo di distruzione di massa, manipolatore e deviatore di pensieri. La fame nel mondo? Non ne parliamo perchè prima dobbiamo riprenderci il potere, strapparlo alla finanza, quella che si permette di creare il denaro dal nulla, e restituirlo ai cittadini e all’economia, in nome della prosperità, del benessere e della libertà. Bruciare i paraventi dei media, sguarnire le loro difese che non sono altro poi che la politica e l’economia. Forse poi, potremo sfamare il mondo. Il Nuovo Ordine Mondiale, quello della Finanza, che ha preso lentamente il Potere, sottraendolo alla politica, che è diventata sua serva è il faro che getta luce sui governi e indica loro la strada da seguire per arrivare a rafforzare i loro Nessuno osa alzare la voce, nessun rappresentante del popolo sovrano. Sogni infranti di un popolo che non è mai stato sovrano ma schiavo e rinchiuso nelle celle mentali. Sempre piu’ povertà, chi è ricco rimane ricco e l’ultimo chiude la porta.
Un ringraziamento all’amico reporter.

2 pensieri riguardo “Sogni di un popolo

  1. No, la fame nel mondo è scomparsa.
    Some pure gli esodi di intere popolazioni (Birmania, Ruanda, Venezuela).
    I problemi sono tutti dimenticati, secondari di fronte alla pandemia.

    Forse i media dovrebbero parlare meno di Covid (non per sminuirlo, ma almeno per smetterla con questo terrorismo psicologico) e parlare anche d’altro.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.