L uomo del tempo

Simpatizzanti del Paranormale, in quest’occasione vorrei portarvi a conoscenza di un episodio veramente strano, documentato (non come si può pensare ad una “leggenda metropolitana”). Spicchiamo un salto a ritroso nel giugno 1950 e ci trasferiamo a New York. Un uomo, vestito in modo insolito, antiquato, con cappello a cilindro, giacca con una fila di bottoni sul retro, pantaloni a scacchi bianchi e neri aderenti, senza pieghe né risvolti, con scarpe alte con fibbie, è visto in Times Square. È un uomo sulla trentina, che si aggira tra la folla che usciva dal teatro.In quell’occasione i testimoni riferiscono di averlo visto immobile, sconcertato in mezzo ad un incrocio, mentre osservava i semafori, come se non li avesse mai visti prima. Quando finalmente si mosse, lo fece incautamente e un taxi lo investì in pieno, uccidendolo sul colpo. Portato all’obitorio, cercando i documenti, trovarono: una moneta falsa d’ottone e il conto di una scuderia di Lexington Avenue che portava scritto: “Per nutrimento e alloggio di un cavallo”. Un secondo tagliando per il parcheggio di una carrozza di $ 3;70 dollari in contanti, tutti in vecchie banconote e alcuni biglietti da visita sui quali era stampato il nome Rudolf Fentz, abitante nella Fifth Avenue.Infine fu trovata una lettera indirizzata al suddetto nome, recante il timbro postale del giugno 1876. Nessuno degli oggetti elencati mostrava segni del tempo e dell’usura .Il capitano Hurbert V. Rihm, che prestava servizio presso il dipartimento di polizia, ebbe l’incarico di fare indagini (era suo abituale compito per le persone scomparse); quindi prese in mano il caso… Iniziò le ricerche e risultò che l’indirizzo della Fifth Avenue corrispondeva ad un magazzino, i cui proprietari dichiararono che per quanto ricordassero, il magazzino era esistente da sempre.Nessuno però aveva mai sentito parlare di Rudolf Fentz .Non si riuscì neppure a trovare questo nome sugli elenchi telefonici. Si controllarono le impronte digitali negli archivi di New York e di Washington … ; nulla!Il capitano Rihm continuò le sue indagini, imperterrito, caparbio, e finalmente la sua costanza fu premiata:In un vecchio elenco telefonico del 1939 trovò un Rudolf Fentz Jr, con relativo indirizzo in città. Giuntovi, alcuni abitanti ricordarono il fantomatico Fentz come un uomo sulla sessantina, che aveva lavorato in una banca del vicinato, andato in pensione nel 1940 e cambiata casa. Rihm trovò la banca, vi fu la conferma di tutto e seppe che la vedova era ancora vivente, in Florida. Le scrisse una lettera, ed essa rispose:” … il padre di mio marito era scomparso misteriosamente nella primavera del 1876……una sera di primavera uscì per fumarsi un sigaro, e non fece più ritorno!”.Nella lettera v’era pure che la famiglia spese veri e propri capitali per cercarlo, ma non approdò a nulla.In seguito il capitano Rihm riuscì trovare il nome di R. Fentz su una lista delle persone scomparse nel 1876…Gli abiti descritti erano esattamente quelli indossati dall’uomo investito e ucciso! Che dire?Lascio a voi decidere quale possa essere una risposta soddisfacente …Non ho aggiunto o tolto nulla ai fatti documentati!

4 pensieri su “L uomo del tempo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.