Oltre (2a parte)

Anche gli spiriti soffrono e non poche pene quando abbandonano il corpo fisico perchè rimangono ancora in parte legati a quello che è rimasto nella materialità. In questo caso lo spirito percepisce la sofferenza della decomposizione del cadavere per tutta la durata del processo e può allontanarsi da esso solo per pochissimi metri perchè la “catena d’argento” che lo lega al corpo fisico si spezza solo alla fine della disincarnazione. Nell’uomo distaccato dalle cose terrene, invece il legame è molto debole (così anche nel caso di una malattia debilitante che predispone mentalmente al passaggio) ed è completamente indolore, dopo alcune ore lo spirito si risveglia dolcemente nell’altra dimensione, circondato da parenti, amici e spiriti amichevoli o comunque da entità positive. Abbiamo parlato nella prima parte di uno stato di “sonno incosciente” nel quale lo spirito cade prima di disincarnarsi. Durante questo sonno lo spirito rivede in sogno, con più o meno lucidità a seconda della sua evoluzione, tutte le esperienze passate, anche quelle meno importanti, per un riepilogo introspettivo (sintesi mentale o ipermnesia); per l’ateo, che non crede nell’aldilà, invece l’incoscienza è quasi totale, senza revisione introspettiva, ma solo con incubi o al massimo senza sogni. Durante la disincarnazione il doppio eterico, nel quale è contenuta l’energia vitale, si va staccando dal corpo fisico, attraverso i 7 centri eterici (o chakra). Questa energia in parte va disgregandosi, in parte viene assorbita dal corpo astrale in fase di riorganizzazione. Le brave persone sono subito accolte da spiriti (entità di luce, alieni…) amorevoli ed esperti che facilitano il processo di disincarnazione, rendendolo indolore e tagliando infine il “cordone d’argento”, un legame eterico che collega cervello astrale e cervello fisico e che può essere spezzato solo alla fine della disincarnazione. Quando la morte è violenta e prematura (suicidi, incidenti, omicidi, ecc.), ossia quando la vita è troncata di colpo, prima del momento prestabilito dal programma karmico, il corpo eterico è ancora pieno di carica vitale e impedisce allo spirito di andare nell’altra dimensione (piano astrale) per cui lo spirito rimane bloccato nel mondo fisico, finché l’energia vitale non si esaurisce, diventando quindi uno spirito errante. In questi casi il trapassato, per un tempo più o meno lungo, non si rende conto di essere morto (anche per via dell’intontimento che perdura per tutto il periodo della disincarnazione) e poiché rimane nel piano fisico, vaga tra gli incarnati nell’illusione di essere ancora vivo. Inoltre, essendo la disincarnazione ancora in corso ed essendo lo spirito connesso tramite il cordone d’argento al suo corpo in putrefazione, la sofferenza è grande. In buona sostanza i cosiddetti “fantasmi” sono proprio questi spiriti che non hanno ancora ultimato il processo di disincarnazione e vagano ancora sulla terra a volte manifestandosi con forme di energia piu’ o meno forti. La prepaazione è lunga e dolorosa nel’atto della separazione corpo fisico-corpo astrale e lo spirito ne soffre tantissimo fino alla totale liberazione.

Standard

5 risposte a "Oltre (2a parte)"

  1. Da bambina ricordo che avevo paura del buio, quando scendeva la notte tutto si copriva di immagini surreali. La notte era tenebre, la realtà era distorta solo perché non riuscivo a vedere e allora iniziai a dormire con una piccola luce accesa. Era davvero piccola ma bastava per rassicurarmi e allora anche la notte non era più così sconosciuta, non c’era più quell’angoscia dell’ignoto….beh…che dire….grazie per aver acceso ancora quella luce.

    Piace a 1 persona

Rispondi a Misteryously🐰 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.