Scapoli e ammogliati

Viviamo in un contesto societario, politico ed economico abbastanza demoralizzante e non è di certo un’impresa facile specie per coloro che coltivano ancora un barlume di buon senso, perchè il buon senso l’italiano l’ha venduto al miglior offerente.
L’impressione è quella di trovarsi dentro a un teatrino di burattini, in cui chi tira le fila (e i fili) ha assegnato dei ruoli rigidi e schematici da cui non si può uscire neppure per prendere una boccata d’aria fresca. I nostri politici e i nostri intellettuali, ridotti al rango di capi burattini, sono consapevoli di questo e si limitano a recitare il ruolo che gli compete (o che gli fa comodo, o che gli produce profitto elettorale) senza deviare minimamente dagli stereotipi stabiliti dal teatrino. Si formano inevitabilmente due fazioni contrapposte: la prima capeggiata da Salvini che sarebbe in teoria il ministro degli interni ma tutto fa se non che fare il ministro. Strizzate d’occhio, messaggi sul cellulare, vita mondana a gogo e frasi prese da chissà quale manuale di aforismi del tipo: ” Mi rifiuto di partecipare a quello che si è ridotto a un derby tra fascisti e comunisti”. La demagogia peggiore è quella di dare un’immagine bieca e incivile a coloro che hanno votato Salvini e comunque a tutto il popolo italiano che attende solo verità da un ministro degli interni ma ahimè sono valori che lo stesso Salvini snobba ridendo sotto i baffi per lo sberletto in faccia all’italico stivale e tutti i simboli in esso contenuti.
Dall’altra parte del campo, perchè qua si tratta di giocare un derby, ci ritroviamo dei burattini di altro genere. Nella fattispecie, una variegata e frammentata galassia di centro-sinistra che non riesce ad unirsi su nulla che non sia l’ “anti” qualcosa. Che si tratti del nobile antifascismo, oppure dello sterile antiberlusconismo (ieri) o antisalvinismo (oggi), la totale assenza di coesione come anche di proposte programmatiche e politiche concrete che riescano a contrastare gli effetti socialmente devastanti del capitalismo finanziario non verrà certo compensato dai balletti festosi e meramente celebrativi nelle piazze. Balletti, tweet, sorrisi a 360 gradi risultano solo sterili abbozzi di politica a favore di un Paese che ha bisogno solo di realtà, di concretezze. Della storia l’italiano è stanco, seppur non deve mai dimenticarne la memoria storica che Salvini e i signori del centro-sinistra hanno impomatato e abbellito come un carro allegorico carnevalesco.
Temo che non ci si allontani dalla realtà a definire lo scenario politico attuale come caratterizzato da un derby che ricorda quello tra scapoli e ammogliati.

2 pensieri su “Scapoli e ammogliati

  1. Tra l’altro la sinistra, secondo me (liberi di correggermi) non ha capito (e se lo aveva capito ha fatto finta di niente) che molto del programma dei 5S era “di sinistra”, ed una coalizione con loro sarebbe stata (sempre secondo me) molto più saggia e opportuna.
    Reddito di cittadinanza: è di sinistra, non certamente di destra.
    Quota 100: di sinistra, non certamente di destra.
    Solo per fare 2 esempi. E molte altre idee dei 5S andavano avallate senza guardare allo schieramento: riduzione parlamentari, abolizione definitiva province, rilancio opere pubbliche ferme da millenni…
    Ma la voglia di essere “contro” tutto e tutti (oltre al fatto di essere disuniti) ha portato ad una serie di “NO” la cui unica conseguenza è stata l’alleanza 5S+Salvini.

    Desclaimer: sono apartitico, non tifo per nessuno, certamente non per Salvini.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.