Giorno: 9 marzo 2019

Società di lusso

Parliamoci chiaramente, la società odierna è sprofondata nella lussuria, nel sadismo, nella violenza fisica e mentale. Siamo e viviamo in una società prettamente “materialistica” occidentale, edonista e prettamente priva di vergogna e accompagnata da un’insaziabile avidità, da una sueperbia intellettuale quasi al limite della comprensione. Siamo tutti assuefatti alla lussuria e non ne veniamo fuori; come il drogato è ormai assuefatto agli stupefacenti o come l’alcolista è assuefatto alla bottiglia. Quel minimo di consapevolezza che abbiamo, siamo soliti volgerlo in scherzo grossolano e, naturalmente, in auto-compiacimento: siamo fieri della nostra dissolutezza, ce ne vantiamo; peggio: anche se, personalmente, non vi indulgiamo in modo particolare, tuttavia siamo fieri che la nostra società ne sia impregnata. La società dei contrasti e dei paradossi. Ci sembra di essere evoluti e disinvolti, di apparire preparati e risolutori ma ci compiaciamo di vivere in una società lussuriosa e spingiamo il piu’ possibile la nostra superficialità fino al punto di vedere, nella disposizione alla lussuria di tutto il corpo sociale, un segno di superiorità rispetto ad altre società e ad altre culture: proclamiamo che tutte loro dovrebbero imparare da noi, che siamo così navigati e sapienti intenditori del buon vivere, e che quelle che non lo fanno, dimostrano la loro arretratezze e la loro meschinità. Parlavamo di società di paradossi, ebbene il paradosso piu’ assurdo è che ostentiamo talmente tanta lussuria che poi abbiamo paura che il resto del mondo ci giudichi e di essere terrorizzati, derisi e compatiti.
Molte sono le cause che ci hanno sospinti a questa deriva, e qui non possiamo analizzarle tutte. Certamente il potere economico gioca sui nostri peggiori istinti, li stuzzica e li solletica, perché la cosa rende un bel mucchio di quattrini. Ma il malessere è dentro ognuno di noi perchè noi siamo ciò che è bene e ciò che non è bene. L’eterno dualismo che spesso combattiamo per uscire da una situazione pressochè impossibile ci tiene sempre con il freno a mano legati alla pure cecità mentale e psicologica.