Uomini e croci

Da sempre l’umanità ha progettato, combattuto o partecipato a guerre in nome di qualche religione. Il fanatismo c’era già allora ed oggi si è sviluppato su larga scala ma con ideali forse meno religiosi e piu’ legati all’interesse personale di coloro che tirano i fili del potere. L’ordine dei templari aveva predisposto una linea di azione mirata alla conquista della Terra Santa in nome di Dio; ma se non è fanatismo questo cos’altro potrebbe essere? Premetendo che la storia dei templari rimane sempre dal punto di visto esoterico e storico lo zoccolo duro della storia dell’umanità nonostante la data di fondazione di questo Ordine non è mai stata ben collocata nella storiografia mondiale. Molti studiosi credono che la mancanza di riferimenti certi e la non uniformità di quelli esistenti sia dovuta al fatto che l’Ordine Templare sia esistito per diversi anni in segreto prima di uscire allo scoperto. Come e dove nacque l’Ordine dei cavalieri Templari non è mai stato definito. Probabilmente attorno al 1130 un certo Gugliemo di Tiro, un arcivescovo raccontò nella sua “Historia rerum in partibus transmarinis gestarum” (Storia degli avvenimenti d’oltremare), un gruppo di cavalieri fece solenne voto davanti a Garimond, patriarca di Gerusalemme, di vivere, da quel momento in poi, secondo le regole di San Benedetto: in povertà, castità e obbedienza. I Templari questi misteriosi ed enigmatici uomini d’arme che non lasciavano nulla sul loro cammino costellato di battaglie e di grandi bottini. Parteciparono alle crociate e molti di loro decisero di stabilirsi a Gerusalemme, adottando uno stile di vita monastico presso la Basilica del Santo Sepolcro. In realtà lo scopo ultimo dei Templari era saccheggiare il Tempio del re Salomone e non viverci dentro. Tre Papi concessero all’ordine dei Templari di sviluppare la propria egemonia a Gerusalemme ed ecco che questi uomin con le croci sulla tunica iniziarono ad arricchirsi grazie al primo sistema bancario al mondo. I Templari furono i primi banchieri a maneggiare denaro per conto dei pellegrini destinati alla Terra Santa. Usura e strozzinaggio i Templari ne erano maestri, perlomeno alcuni di loro sapevano farlo egregiamente. Qualcuno però, un certo re Filippo IV di Francia che fu un “cliente” della banca dei Templari e indebitato fino al collo nel 1307 fece arrestare l’intero ordine con l’appoggio di Papa Clemente V. Il direttore dei Templari, Jacques De Molay venne messo al rogo e bruciato vivo. Il ciclo dei Templari non si è mai fermato perchè la storia anora oggi è protagonista nella vita dell’economia dei Paesi europei. La fine di un epoca e di un mito quello dei Templari ma che oggi continua perchè se non ci sono piu’ uomini con spade e lance oggi ci sono invece uomini in giacca e cravatta che fanno riermegere i fasti dei monaci templari grazie alle fratellanze e ancora piu’ importante con le logge massoniche.

10 pensieri su “Uomini e croci

      1. Io un po’ temo questi gruppi (politici? lobbistici?) che tramano alle spalle di qualcuno.
        Potrebbe anche essere (uso il condizionale) che non facciano nulla di male ed agiscano di nascosto per il bene comune, ma temo non sia così.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.