Social

Like ma non like

Sinceramente, cari amici follower, quando volte scorrendo tra le ultime notizie dei vostri amici di Facebook o, più spesso, tra le pagine o i gruppi a cui siete iscritti, avete trovato notizie che vi hanno irritato perchè offensive, invitanti all’odio razziale, oppure basate su di un linguaggio scurrile o volgare? Che fare dunque, se si vuole manifestare la propria disapprovazione? Si può lasciare un commento in cui si prova ad argomentare le ragioni del perchè il post non ci piace, rischiando di venire sommersi da una marea di attacchi e insulti, oppure mettere una faccina arrabbiata. Ardua scelta. Risposta alquanto temeraria. Il signor Zuckerberg, ideatore di Faccialibro non ha ancora (credo che non è nei suoi programmi futuri) fatto inserire il pollice verso, cosidetto “no-like”, quindi la risposta sarebbe quella di segnalare agli admin di Facebook il post incriminato ma si tratta di un passaggio piuttosto lungo e, sinceramente, non so quante siano le persone che lo fanno nell’uso comune.  Quindi se riflettiamo bene Facebook non mette a disposizione un “no-like”, quando ad esempio YouTube ce l’ha da sempre. Perchè costringere gli utenti a dire sempre di si, mi piace, ne vado matto. E’ probabile che Facebook abbia insita una paura fobica di poter perdere moltissimi utenti ma per un colosso come questa piattaforma non credo sia un problema. Il “no-like” potrebbe mettere fine alle diatribe, alle “scatoffie” virtuali delle denuncie a Facebook. Oggi si deduce che, se un post riceve pochi “mi piace”, non è particolarmente gradito, ma questo non è sempre vero. Potrebbe semplicemente trattarsi di un argomento che lascia indifferenti. Un numero notevole di “non mi piace” sarebbe, invece, un segnale inequivocabile. Signor Zuckerberg perchè non ci pensa? Noi siamo utenti che mangiamo pane e social, ci lasci almeno la facoltà di esprimere che gli “hate speech” (frasi di odio e offensive) non sono gradite a noi utenti attentissimi e che possiamo finalmente poter scegliere di dire “Non ci piace”.

Standard