Genova per me

Un pezzo del mio cuore è rimasto a Genova la città dove ho vissuto per oltre 20 anni e dove ho lasciato i miei amici le mie compagnie ed il mio mare. Spesso ritorno a trovare tutti e ci rimango per qualche giorno ma il mio destino e la professione mi costringono a risalire l’autostrada e tornare di nuovo nel “mare grigio” e patetico di Milano. I brasiliani la chiamano “saudade”, nostalgia io la chiamo malinconia e un forte senso di devastazione sopratutto dopo i recenti avvenimenti. Sono sceso a Genova qualche giorno dopo il crollo del ponte Morandi e confesso che guardare quel ponte dalle immagini tv non è come guardarlo mentre si scende a Genova. L’ho ritrovato proprio davanti a me leggermente spostato sulla mia destra. Eppure ero lontano ed in auto ma ho avvertito lo stesso la sensazione di morte, di lutto, di completo silenzio. Non ho potuto avvicinarmi di piu’ perchè le forze dell ordine e la protezione civile non lo consentivano assolutamente ma quel vuoto tra una sponda e l’altra del ponte Morandi non potrò mai dimenticarla; come non potrò dimenticare le 43 vittime del crollo. Assurdo, davvero assurdo. Una ferità per Genova, una ferita che sembrerebbe non risanabile al momento con le dovute “operazioni” di scarica-barile di un’ente ad un altro con le appropriate e successive reiterazioni di ricostruzione. Piange il cielo sopra la mia Genova e piange lacrime di sangue e di acqua. Nubifragi e trombe d’aria hanno apertamente dichiarato guerra alla città ed alla regione intera. Smottamenti, frane, alberi che cadono per il forte vento e ancora morti e feriti. Inadattabilità del terreno? La costa viene divorata lentamente dal mare e le mareggiate fanno il resto. Genova è una città che non conosce la sconfitta nell’alluvione del 1970 cosi come in quella del 2011 e 2016. E’ forte, è Superba come disse Petrarca: “Veniamo a Genova, che dici di non aver mai visto. Vedrai una città regale, addossata ad una collina alpestre, superba per uomini e per mura, il cui solo aspetto la indica signora del mare; la sua stessa potenza, come è già accaduto a molte città, le nuoce e le reca danno, perché offre materia alle contese e alle gelosie cittadine.”

6 pensieri riguardo “Genova per me

  1. Genova per noi come scrisse Conte è una città che si può solo amare, tutto sommato il basso Piemonte ha avuto influenze liguri, mio padre è nato a Novi Ligure che è diventata poi piemontese, ma comunque è il mare a noi più vicino, quello che hanno visto per la prima volta i miei occhi bambini, che hanno gioito di quella prima immersione…e poi successivamente Genova l’ho apprezzata per altri motivi, per la sua storia, le sue tradizioni gastronomiche e culturali, ha dato i natali a un De Andrè che rimane uno dei miei autori-poeti preferiti, e quante volte anche in inverno col treno sono scesa e scenderò ancora a Palazzo Rosso o a Palazzo Ducale per una mostra…questo per dire che è una città che vivo anche se non ci abito e a differenza di città liguri più battute turisticamente, adoro di lei tutto, anche quegli odori forti che si respirano per le strette vie vicine al porto. Per cui il dolore per i morti e per i disastri che continua a subire li ho avvertiti in maniera forte quasi come se fossi un po’ parente di quella gente

    Piace a 2 people

  2. Grazie, da una genovese. Anche per me è stato un trauma vedere il ponte dal vivo, ben altra storia che in televisione. E ora queste mareggiate, delle quali ho avuto racconti di chi ha vissuto direttamente il problema: un vero miracolo che non ci siano state vittime. Dieci metri di onda a Capo Mele, per dire. A Milano non si sta male, ma qualche volta l’orizzonte aperto ci manca proprio tanto

    Piace a 1 persona

  3. Come ti capisco… quando andavo a Genova prima del crollo, tra una curva e l’altra dei Giovi, dopo aver passato Gothamcity, e arrivavo nei suoi pressi…lo vedevo là… imponente affascinante, e il mio cuore saltellava di gioia con la consapevolezza che ero quasi arrivata!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.