La libera muratoria

Le origini della massoneria risalgono alle corporazioni medioevali di costruttori e artigiani. Il termine “massone” fece la sua comparsa nel XIV secolo per indicare coloro che facevano parte della locale “loggia” dei muratori. Fu solo nel corso del ‘700 che avvenne la trasformazione da gilda artigiana a potente organizzazione sociale. Il termine freemasons (letteralmente liberi muratori, poi tradotto in italiano “frammassoni” o “massoni“) compare già nel 1375 nei documenti della città di Londra per designare i muratori, cui era concesso circolare per il paese in un’epoca in cui il feudalesimo legava indissolubilmente alla terra la maggior parte dei lavoratori. A differenza di altri artigiani del tempo, per esempio i fabbri o i conciatori, i muratori si riunivano in gruppi numerosi per lavorare a progetti imponenti e grandiosi, spostandosi da un castello o da una cattedrale appena terminati al cantiere successivo. Per proteggersi, istruirsi e addestrarsi reciprocamente, si riunivano in una “loggia” locale, cioè nell’edificio in prossimità del cantiere in cui mangiavano e dormivano, e successivamente il termine loggia passò a indicare il gruppo di muratori insediati in una certa località. In breve, i muratori svolgevano un’attività esclusiva e affascinante ed avevano a cuore il loro speciale prestigio, che difendevano tenacemente custodendo gelosamente i segreti e i principi della loro arte in un’epoca che ignorava brevetti e diritti d’autore. Per salvaguardare l’integrità della loro condizione era opportuno che chi affermava di conoscere l’arte edilizia fosse effettivamente ben addestrato; preoccupazione legittima, poiché i muratori itineranti medioevali si trovavano spesso a contatto con estranei, alcuni dei quali si dichiaravano del mestiere allo scopo di carpirne i segreti. Per smascherare questi impostori, i muratori inventarono quindi un sistema sempre più articolato di parole e frasi in codice, segni di riconoscimento e speciali strette di mano; ai nuovi arrivati ponevano certe domande in un particolare modo, e solo chi rispondeva correttamente era qualificato per lavorare. Nel Seicento, con l’aumentare del numero e del prestigio dei muratori, alcune logge cominciarono ad accettare membri onorari che non appartenevano al mestiere. Nel 1619 la compagnia dei muratori di Londra fondò a questo scopo un’organizzazione parallela, che accoglieva come “muratori accettati” persone estranee alla compagnia ma disposte a pagare il doppio della tassa di iscrizione. Quasi un secolo dopo, nel 1717, quattro logge di Londra crearono un organismo di supervisione, chiamato “Grande Loggia”, le cui riunioni annue suscitarono molto interesse, dando all’ordine un rapido impulso. La trasformazione storica della muratoria da gilda artigiana a potente organizzazione sociale cominciò proprio cosi.   I massoni non aprivano le porte della loro loggia a chiunque, ma riuscirono ad attrarre il meglio della società progressista londinese: liberi pensatori di alto lignaggio, filosofi, ecclesiastici, esponenti dei ceti più elevati. Non è del tutto chiaro perché aristocratici ed intellettuali desiderassero far parte di una gilda artigiana, ma la stessa segretezza massonica sembra fosse di per sé un potente attrattore. Molti aspiranti frammassoni speravano di apprendere gli antichi mestieri e la sapienza occulta che si riteneva che i massoni possedessero; inoltre, molti ricchi estimatori nutrivano un crescente interesse per l’architettura e l’antichità. Comunque sia, fra il 1737 e il 1907 ben sedici principi, quattro dei quali sarebbero poi diventati re, si sottoposero ai complessi rituali iniziatici per diventare “massoni accettati” ed è paradossale pensare che il messaggio massonico che tanto attraeva i ceti privilegiati fosse un principio di fratellanza universale, che insisteva sul valore di ogni uomo al di là della sua condizione sociale. Il primo Libro delle Costituzioni massonico fu redatto da un ministro della Chiesa di Scozia, James Anderson, e pubblicato in Inghilterra nel 1723. L’opera apparve in America solo alcuni anni dopo, nel 1734, per iniziativa di un gran maestro della Massoneria, Benjamin Franklin di Philadelphia. Questo documento, che costituisce una pietra miliare sulle origini della massoneria, dichiarava audacemente che nell’ambiente amichevole della loggia avrebbero potuto riunirsi e discutere idee nuove uomini appartenenti a diverse religioni: “Sebbene nei tempi antichi i muratori fossero obbligati in ogni paese a praticare la religione di tale paese o nazione, qualunque essa fosse, ora tuttavia si è ritenuto più opportuno obbligarli soltanto a quella religione della quale tutti gli uomini convengono, lasciando loro le proprie particolari e personali opinioni: cioè essere uomini retti e sinceri, o uomini d’onore e onestà, quali che siano le denominazioni o le credenze che li distinguono“. Tolleranza e apertura mentale erano concetti importanti in un’epoca ancora così rigidamente gerarchizzata. Ma per il pubblico più vasto, l’atmosfera amichevole non era l’unico motivo di fascino. Gli aristocratici non erano i soli ad aspirare ad un significato esoterico della vita, anche i ceti inferiori furono attratti dalla credenza che i massoni, con tutto il loro bagaglio di usanze mistiche, e codici segreti, avessero in qualche modo ereditato l’antica sapienza occulta.



Categorie:Senza categoria

Tag:,

2 replies

  1. Buona serata Harlino

    "Mi piace"

  2. Ricordo una foto di Andreotti pubblicata su armu e tiro, che lo ritraeva mentre prestava giuramento ad una loggia.
    Un potente fascino quello esercitato della massoneria.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Oui Magazine

Per me cultura significa creazione di vita. (Cesare Zavattini)

THE MESS OF THE WRITER

"SAPERE TUTTO DEL NULLA E NULLA DEL TUTTO." [If you're not italian, you have the possibility to translate all the articles in your own language, clicking on the option at the end of the home page of the blog]

Scritti Sparsi

tra parole e anima

Raccolta & Differenziata

Per rimettere in circolo quello che passa fra le mani e per la testa

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitré

- DARE IMPORTANZA ALLE PICCOLE COSE -

C'è bisogno di fermarsi e rivalutare le cose davvero importanti

L'Irriverente

"Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi" [Robert Oppenheimer]

Exogino | Il Misterioso Alieno

Il peggio non ha mai fine

marisa salabelle

Eravamo noi tre. Io e mia sorella Bella, e nostro fratello maggiore: Felice, babbo tuo.

VALENTINE MOONRISE

Parole di una sconosciuta

Il blog notes di Farfalla Legger@

Una sorta di raccoglitore di appunti di vita, di libri, di arte e altro, secondo il personale gusto della curatrice 🤗🤗🤗🤗.

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.

La Vita a Fumetti

Nell'anno del Coronavirus

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Blog di Demonio

Storie e riflessioni di un povero diavolo

Dominatore di Poteri

L'universo è un posto grandissimo e meraviglio . Un posto pieno di pianeti , di stelle e cose meravigliose . Dove la storia aiuta l'universo tutt'oggi a farlo diventare semprè più grande di giorno in giorno , in epoca in epoca , di era in era . Io sono Il Dominatore di Poteri e posso viaggiare attraverso questo grande universo grazie al T.A.R.D.I.S. Non solo nell' universo , ma anche nel tempo , nello spazio e nei mondi . L'universo è un posto grandissimo e meraviglio e pieno di persone magnifiche .Ma l' universo non è composto solo di questa ma anche di mondi meravigliosi da vedere e osservare .Mondi piene di persone e creature magnifiche . Proprio questo rende l' universo il posto più bello dove andare e da li viaggiare dappertutto e nell' infinito conosciuto e sconosciuto. Ci sono alieni di ogni razza e moltissimi pianeti e stelle e in questo blog io parlerò delle mie avventure nel tempo , nello spazio e nei mondi .Ma spesso nell' universo esistono anche persone malvagie pronte a fare di tutto per portare i male nel mondo e io viaggiando nell' Universing e nel tempo , nello spazio e nei mondi cerco di fermarli . Ma non da solo se riesco a farlo , lo faccio insieme alle persone che incontro e mi faccio amico e grazie al loro aiuto riesco a sconfiggere il male dovunque sia . Contro i miei nemici e contro chi ha ucciso un sacco di persone userò contro di lui lo sguardo della penitenza e vedrà con i suoi occhi tutto il dolore fatto alle persone . Chi ha tradito questo mondo e questo universo io questo farò e non mostro nessuna pietà . I Distruttori non hanno avuto pietà per nessuno visto che tutti sopratutto dall'inizio del loro grande viaggio cioè l' inizio del tempo stesso hanno cercato di uccidere noi Dominatori di Poteri e cosi fare il loro oscuro piano che consiste nell’ usare il nostro aspetto per fare fuori tutte le altre razze. Io sono uno dei tanti Dominatori di Poteri che sono vivi e vegeti e gli altri invece sono sparsi nel tempo e nello spazio. Seguite nella mia avventura nel tempo, nello spazio e nei mondi e sopratutto cercando un modo per salvare il mio pianeta Maraxus e sopratutto salvare le persone che sono morte durante la Guerra dell' Universo.

Paola, molto lieta!

Un fantasma per amico!

Povertà e Ricchezza by Alberto C.

Racconti brevi @ Narrativa @ Autore

fleurose

Parole e belletti

La Grazia

La Grazia un libro antico per la vita felice

Le pagine dei nostri libri

E' solo un punto di vista

Laura Parise

Come le onde del mare... un moto perpetuo... perché la vita è un libro pieno di pagine bianche...

Tubarrywhite

Take it easy

The Spritzy Witch

Esploratrice d'ispirazione. Libri, viaggi, empowerment e spiritualità

Vita tra le dita

Tutto quello che si può scrivere...

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

TUTTOLANDIA

"...il posto che mi piace si chiama mondo..."

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Immagini, pensieri e racconti

Seidicente

altrimenti tutto è arte

I Viali Dell'Anima - Pensieri Indaco

In Una Realtà Invisibile

sherazade2011

Con te conversando, dimentico ogni tempo e le stagioni e i loro mutamenti: tutte mi piacciono allo stesso modo. (Milton)

Atti effimeri di comunicazione

Collage poetici, prose brevi, blog fiction di giocattoli e oggetti sommersi.

TYT

Take your time

OpinioniWeb-XYZ

Opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

Non sono ipocondriaco

Ma se il dottore non mi vede si preoccupa (by Kikkakonekka)

alemarcotti

io e la mia vita con la sclerosi multipla

tramineraromatico

politically incorrect

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: