Arcane origini

La pratica divinatoria della lettura dei Tarocchi è ancora oggi molto diffusa ed esercitata. L’origine dei Tarocchi è incerta sebbene esistano diverse teorie sulla loro nascita e la loro provenienza. Opportunamente interrogati, i Tarocchi sarebbero in grado di rivelare vicende e situazioni future con straordinaria precisione.
La chiromante girò tre carte: il prigioniero, il giudice e la forca. A questa vista il cliente, Henry Cuffe, capì che non c’era scampo. Il 13 marzo 1601 Cuffe, segretario del conte di Essex, fu impiccato per tradimento. L’origine dei tarocchi è avvolta nel mistero. Si sa che essi apparvero per la prima volta in Italia e poi in Europa alla fine del XIV secolo, e che la loro introduzione è attribuita ai mercanti arabi e agli zingari. Usati dapprima solo per giocare, alla fine del Settecento assunsero significato divinatorio. Nel 1781, Antoine Court de Gébelin espose la sua teoria, secondo la quale i tarocchi erano un’allegoria della filosofia e della religione egizia, espressa in geroglifici. Il loro nome derivava dall’egiziano e significava “strada reale”. Un secolo dopo, il filosofo francese Eliphas Lévi (pseudonimo di Alphonse Louis Constant), che nutriva un profondo interesse per la magia e l’ occultismo, vide nei tarocchi la chiave per interpretare la cabala, dottrina ebraica esoterica che divenne la base dell’occultismo in Europa. Lévi faceva derivare la parola “tarocchi” dal latino rota, ruota. La sua teoria dei tarocchi come chiave della sapienza fu sviluppata dall’Ordine Ermetico dell’Alba d’Oro, un’associazione esoterica fondata a Londra nel 1888, fra i cui membri c’erano il poeta W. B. Yeats e il satanista Aleister Crowley Mentre i segni dei tarocchi sono sempre gli stessi, il loro disegno varia. Il mazzo è formato da 78 carte, di cui 22 (chiamate “trionfi”) contrassegnate da figure particolari, e 56 divise in quattro semi. Queste ultime sono usate per i comuni giochi, mentre le altre 22 servono per la meditazione e l’arricchimento spirituale; tutte insieme rivelerebbero il passato, il presente e il futuro. I quattro semi sono: spade (picche), riguardanti la sfera dei conflitti e del potere; coppe (cuori), quella delle emozioni e dei desideri; denari (quadri), quella del denaro e dei beni materiali; bastoni (fiori), quella della comunicazione e della crescita. Nel Medioevo i semi rappresentavano anche le classi sociali, nobili, clero, mercanti e contadini, e la lettura delle carte si prestava a lezioni morali. Nell’interpretazione dei tarocchi a fini divinatori, le carte vengono mischiate e disposte in varie “stese”. Si prendono poi in considerazione sia la posizione di ciascuna carta, sia il suo significato simbolico; c’è chi vi presta talmente fede da considerarli addirittura uno strumento valido per comprendere e controllare il proprio cammino attraverso la vita.

Usi e getti

Ogni giorno siamo bombardati da messaggi, pubblicitari e non, che ci dicono come vestirci, cosa mangiare, cosa ci può rendere felici, cosa significa avere una vita di successo e quale tipo di relazione dobbiamo avere. Amici? Tanti, per uscire fino a tarda mattina (dalla sera prima), per viaggiare in posti di tendenza. Conoscenze? Ancora di più, per fare numero su Facebook, su Instagram, e avere l’impressione di essere popolare, altrimenti non sei nessuno. Ma quando hai semplicemente bisogno di fare una chiacchierata a cuore aperto, di berr un caffè in compagnia o di stare con qualcuno di fiducia, in mezzo a questi “settordici” mila persone non c’è nessuno. Ovviamente, tutto questo non ci rende felice e ci spinge semplicemente a muovere verso l’aspetto affettivo una tendenza consumistica che ha già invaso il nostro quotidiano (e non c’è migliore consumatore di un consumatore profondamente infelice).
Stiamo proiettando le nostre abitudini consumistiche sulla sfera affettiva. Mentre compriamo tanto, sprechiamo tanto, buttiamo via tanto e se qualcosa non è perfetto, lo eliminiamo, facciamo la stessa cosa con le persone: ne incontriamo tante, usciamo con tante e appena qualcosa non va, le ignoriamo senza degnarle di una spiegazione. Sembra un’esagerazione ma l’aumento del ghosting ci dimostra che purtroppo non è così. Le ragioni potrebbero essere molte ma ciò che ci vedo io (ed è solo un’ipotesi), è una ferita di fondo che si tenta di nascondere. Bisogna essere realisti, al tempo dei nostri nonni, quando le cose non si buttavano via ma si aggiustavano, loro riconoscevano forse meglio il valore delle cose e avevano un’idea concreta di come vivere nel mondo.
Ora, il mondo cambia talmente tanto velocemente che ci sfugge dalle mani. Siamo più insicuri rispetto al passato, non siamo nemmeno sicuri che, tra le tensioni internazionali, le crisi economiche e i problemi d’inquinamento, avremo un futuro. Ci sentiamo aggrediti dal mondo, ecco perché vogliamo proteggerci e rinchiuderci dentro l’unica cosa che ci sembra sicura: noi stessi.




La metà oscura

La metà oscura

Thad Beaumont è uno scrittore di successo che per anni ha pubblicato romanzi con lo pseudonimo di George Stark: storie violente e di successo, che lo hanno reso ricco e famoso. Ora può finalmente scrivere con il vero nome, ma non sa che la figura di Stark, la sua metà oscura, non intende affatto sparire: più viva e spietatata che mai, diventa una macchina di morte che distrugge quanto incontra sulla strada che conduce al suo creatore. Per difendersi da questa orribile minaccia, Thad dovrà spingersi negli angoli più inquietanti della sua mente…

Ottimo esempio di romanzo horror allo stato puro. King sposa tensione e splatter in una storia incredibilmente convincente, per le sue peculiarità. Condensa, al meglio, il dott. Jekill e Mr. Hide con il romanzo di Dorian Gray in un grande racconto a tinte forti.
Romanzo molto bello e avvincente. Stephen King ha una mente che è maledettamente straordinaria! Uno scrittore che parla nel libro di un altro scrittore e del suo pseudonimo non è facile da farsi.

Multiversione

Filippo, un ragazzo di 17 anni sta passeggiando per piazza Duomo a Milano con un amico di scuola quando ad un certo punto il ragazzo ha come un flashback e per alcuni millesimi di secondo (non è quantificabile esattamente il tempo) si ritrova catapultato indietro nel tempo. Filippo non comprende dove si trova, forse non ha nemmeno il tempo per pensare che di nuovo si ritrova in piazza Duomo con l’amico a passeggiare. Un dejavu? Uno spostamento in un multiverso? Una zona neutrale tra vari mondi? Non è facile dare una spiegazione a quanto è accaduto a Filippo (la storia è reale, il nome è solo per rispettare la privacy) che ai suoi genitori ha raccontato quanto gli è accaduto e che in passato aveva già sperimentato questo genere di “flash” durati brevi fotogrammi. Quando mi hanno raccontato questo strano episodio ho voluto fare una piccola ricerca ed ho scoperto che spesso questi avvenimenti, rari ma molto interessanti dal punto di vista del paranormale, si verificano attraverso dei canali energetici che collegano l’universo con il multiverso; ovvero con un’altra forma di mondo implementato nella materia oscura. All’interno della teoria del multiverso, i ricercatori, infatti, hanno mostrato che gli universi paralleli potrebbero ospitare forme di vita, proprio come avviene nel nostro mondo e quindi questi mondi viaggiano in parallelo al nostro mondo e al nostro universo, perlomeno conosciuto. E’ risaputo che piu’ materia oscura c’è nell’universo e piu’ c’è possibilità di trovare dei “canali” aperti che potrebbero condurci in questi mondi separati ma paralleli. La realtà potrebbe essere formata da molteplici universi, ciascuno con una proporzione diversa di energia oscura in dotazione. Quello in cui viviamo è uno tra tanti universi, che godrebbe però di una rara fortuna: la “giusta quantità” di energia oscura, abbastanza ridotta da permettere la vita. La scienza adotta spiegazioni concrete ma non può abbracciare la teoria del paranormale perchè non razionale e non soggetta ad approvazione da parte della comunità scientifica. Allora Filippo è stato “rapito” da questa energia che l’ha trasportato in un’altro mondo? Se questo universo è parallelo ad un altro perchè questo passaggio? Quale messaggio ci “vogliono” dare dal parallelo universo? Credo che ci possa essere una risposta nella quantità di energia accumulata da Filippo, un essere giovane, pieno di forza e di vitalità e quindi piu’ incline, seppure inconsciamente ad entrare in contatto con altre forze, altre energie oltre il velo del tempo.